Joint Venture Strategiche: Come far si che diventino automatiche

Joint Venture Strategiche: Come far si che diventino automatiche


Pensa se potessi avere le tue Joint Venture Strategiche in modo automatico? Quanto sarebbe bello restare seduto sul divano oppure stare in una spiaggia tropicale, sorseggiando un cocktail esotico sotto l’ombra fresca di una palma e, facendo un semplice click, far partire tutte le Joint Venture Strategiche che vuoi?

Beh, mi spiace distruggere i tuoi sogni, ma questo non è possibile.

Infatti, se hai pensato che fossi impazzita, visto che ti ho rotto le scatole da sempre con il “Le Joint Venture sono un processo” e “Se non fa male, significa che non funziona”, stai tranquillo, perché ho ancora il pieno controllo sulla mia mente.

Sicuramente potrai trovare gente in giro che ti promette che diventerà tutto più facile, che avrai dei contatti in automatico ogni settimana, ma io continuerò a dire che (purtroppo) questo non è possibile.

Dico “purtroppo”, perché anche me sarebbe piaciuto, fosse così. Non sono la scema della situazione, che ama farsi il mazzo, mentre gli altri stanno comodamente avendo tutto in automatico.

Anzi, direi che sono una persona piuttosto “comoda” e cerco sempre di semplificare le cose al massimo, ma in certe situazioni questo non è possibile, sempre se si vogliono ottenere dei risultati.

Le Joint Venture Strategiche fanno parte del Marketing e, così come non devi smettere mai di fare Marketing, allo stesso modo non devi smettere di lavorare per le tue Joint Venture.

Ho sentito parlare di gruppi ristretti di imprenditori, che sono obbligati (nota bene la parola “obbligati”) a rendere a beneficio degli altri ogni settimana un numero preciso di contatti. Ora, ho da dire qualche cosa anche su questo, ma non è l’oggetto di questo articolo, quindi mi riservo il diritto di esprimermi in uno a parte. Anche perché ci sarà da scrivere tanto.

Ma torniamo a noi!

Ti avevo promesso di spiegarti

 

Come far diventare le Joint Venture Strategiche anche automatiche

 

Vedi, detta così può portare chiunque in inganno. “L’automatico” di cui voglio parlarti oggi, non è quello che hai pensato, ma ben altro.

Voglio parlarti della condizione in cui devi portare la tua azienda, per ottenere proposte di Joint Venture in modo automatico. So che, trovare un partner e riuscirlo a “convincere” di fare una Joint Venture Strategica per alcuni, è un vero problema.

Quindi, se sei uno di questi, oppure vuoi semplicemente capire come si fa, continua a leggere!

 

Esiste una condizione, nella quale procurarsi delle Joint Venture Strategiche diventa automatico?

Esiste una condizione in cui, il lungo rituale del convincimento viene meno e tutto diventa più facile?

Esiste una condizione in cui, la frase “Ti ringrazio della proposta, ma non sono interessato” si trasforma come per magia in “Grazie della tua proposta, sono veramente lusingato che hai pensato a me”?

La risposta breve è SI (anche se non ci credi)!

E io so che detta così, ti sembrerà impossibile, perché so per esperienza cosa vuol dire sentire il dolore che provoca una porta sbattuta in faccia.

Se hai provato a fare qualche proposta e non è andata bene, ti dico con fermezza, che la colpa non è tua, nel senso che il problema non è “Non sei stato bravo a vendere la proposta”.

Non è neanche colpa del tuo prodotto che non funziona.

Non è neanche colpa dell’altro che non capisce la potenza delle Joint Venture Strategiche.

 

Quindi Ade, cosa vorresti dire? Che non esiste un problema?

 

No, non ho detto questo. La cattiva notizia è che un problema c’è e ci devi lavorare per risolverlo.

La buona notizia è che, con un po’ di costanza, è risolvibile appunto.

Molto probabilmente, se hai ricevuto dei NO alle tue proposte, anche se fatte rispettando tutte le regole del marketing, la condizione di cui ti ho parlato è venuta meno.

La situazione ideale, nella quale le proposte di Joint Venture Strategiche iniziano ad arrivare in modo automatico è una sola:

 

Quando sei percepito come un’autorità nel tuo mercato

 

Si, hai capito bene. Per iniziare a ricevere proposte di Joint Venture Strategiche in modo automatico, devi essere “qualcuno” nel mercato. Cioè, quando gli altri riconoscono in te un punto di riferimento, una persona che sta più in altro nella gerarchia.

E no, non pensare di fare il furbo, scrivendo sotto il nome della tua azienda “Siamo leader del mercato”! Perché se ti becco, ti faccio il culo a strisce. Ricordatelo eh!

 

Vabbè Ade, ma io non posso mica competere con i Big del mercato??!!

 

Ed è qui che sbagli! Sempre se il tuo business ha un senso di esistere, perché se così non fosse, neanche Dio ti potrà salvare, figuriamoci le Joint Venture Strategiche!

Come si ottiene questa condizione e soprattutto cosa significa questo, tradotto per le piccole aziende? Come si crea l’autorità?

Per arrivare nella condizione di essere riconosciuto come punto di riferimento, non necessariamente bisogna essere l’Apple o la Coca Cola.

Il ragionamento deve partire dal mercato a cui ci si rivolge.

Se il tuo mercato è quello della tua città, perché magari hai un negozio, devi puntare a diventare l’autorità in quel mercato, per il target specifico.

Se il tuo business è a livello regionale, devi diventare il punto di riferimento di quel mercato.

Non c’è bisogno di stravolgere. Non c’è bisogno di cercare di diventare famoso come i VIP. Non ti serve a niente, anzi. Ti farà solo perdere tempo e soldi, che potresti invece concentrare nella tua azienda.

Basta essere riconosciuti come il più forte del tuo mercato, piccolo o grande che sia.

Hai presente quei negozi storici nella tua città? Oppure quando ti fornisci da un’attività “prestigiosa”? Hai presente come, ancora oggi, se dici che sei andato a fare shopping o sei cliente di quell’attività, assumi anche tu una posizione migliore nella mente degli altri?

Ecco, devi riuscire a portare la tua azienda in questa condizione!

Di solito, le Joint Venture Strategiche si fanno nella propria cerchia dei pari, anche se hai un’idea rivoluzionaria, oppure il tuo prodotto è migliore (parola che nel marketing non ha senso, così come nella Joint Venture Strategiche).

E’ tutto questione di gerarchia.

Difficilmente uno che sta in altro nella gerarchia, accetta di fare Joint Venture Strategiche con un imprenditore che è appena all’inizio. Così come nella vita ci si circonda dei propri pari e difficilmente si “scende” di gradino. Fai mente locale alle persone con cui hai una relazione più stretta: sono tutti tuoi “pari” e scappi a gambe levate, se per sbaglio ti trovi in compagnia di persone che si trovano “sotto di te”.

La stessa cosa succede anche nelle Joint Venture Strategiche.

Quindi, se vuoi ottenere delle Joint Venture con aziende in alto, cerca di arrivare anche tu in alto, in modo che vieni percepito come uno della cerchia dei loro pari. Punto.

 

Ok Ade, tutto chiaro. Ma come faccio ad arrivare più in alto ed essere percepito parte di quella cerchia?

 

Hai ragione, bisogna dare qualche informazione in più.

La domanda giusta è “Come si crea l’autorità?”

La risposta è molto semplice, questo però non significa che non dovrai fare nulla. Anzi! Dovrai lavorare duro per ottenerla.

Sei pronto? Sei disposto a diventare autorità nel tuo settore e iniziare ad ottenere proposte di Joint Venture Strategiche in modo automatico?

Allora andiamo!

 

L’unico modo che hai per diventare un’autorità, è quello di fare marketing e vendere tanto, tantissimo, quindi risolvere il problema che hanno i tuoi clienti.

Più venderai e più acquisterai autorità! Non esiste altro modo per farlo. Non puoi semplicemente dirlo, perché nel business sono i risultati che contano. Non puoi dire “Sono il Numero 1 del mio mercato” (come fanno in tanti), senza che questa affermazione non viene confermata dai clienti.

Devi vendere come se non ci fosse un domani.

Chiaro?

 

Si Ade, tutto bello, ma io volevo fare le Joint Venture Strategiche appunto per vendere di più. Tu mi sti dicendo adesso che devo vendere di più, se voglio ottenere proposte di Joint Venture in automatico. Non mi torna!

 

E hai anche ragione!

Sembra un circolo virtuoso ed in un certo senso è così.

Quello che farei io, che potresti anche decidere di non fare, è quello di fare tante “piccole” Joint Venture Strategiche, che mi porteranno delle vendite veloci, per puntare di soddisfare più clienti possibili.

Così come nel Marketing in generale, non puoi pensare di attuare un piano di Joint Venture, basato solo su una partnership.

Un cliente che seguo ad esempio sta facendo esattamente questo: tante “piccole” Joint Venture Strategiche in una zona circoscritta, che gli permettono di arrivare più velocemente al suo target.

Dopo ogni azione, si fa un’analisi e si aggiusta il tiro per la prossima. La prima non è andata benissimo, la seconda è andata meglio della prima. La terza ancora meglio.

Facendo in questa maniera, hai anche la possibilità di perfezionare il prodotto, l’offerta, il messaggio ecc.

Ora, se ti ho incuriosito, fino al punto di voler avere una strategia di Joint Venture per monetizzare la tua rete di contatti e, soprattutto se sei convinto che questa è la via più breve verso il TUO SUCCESSO, clicca il bottone qui sotto e GUARDA ADESSO La Prima Masterclass di Networking Funzionale con ele Joint Venture!

Metti le basi per il tuo SUCCESSO, imparando a sfruttare i tuoi contatti business per stringere delle POTENTI PARTNERSHIP e smetti di perdere tempo (e denaro) durante gli eventi di business con l’unico scopo di raccogliere migliaia di inutili biglietti di visita!

Clicca adesso il link qui sotto e guarda SUBITO la Masterclass di Networking Funzionale con le Joint Venture

Facebook Comments

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *